Argomenti Tecnici

Come Individuare la Classe di Resistenza di una Vite?

Nel nostro post di oggi parliamo del sistema di designazione delle qualità degli acciai inossidabili e della classe di resistenza delle viti. Con un piccolo excursus sulla loro marcatura.


Il sistema di designazione in due blocchi.

Il sistema di designazione, come è possibile vedere in figura 1, si divide in due diversi blocchi (che vengono poi separati da un trattino):

  • qualità dell’acciaio
  • classe di resistenza.

classifcazione_viti1

Entrando più nello specifico, il primo blocco determina:

  • la qualità dell’acciaio che viene rappresentato con le seguenti lettere, relative al gruppo stesso degli acciai:
    • A (acciaio austenitico)
    • C (acciaio martensitico)
    • F (acciaio ferritico)
  • l’intervallo di composizione chimica all’interno del gruppo stesso (rappresentato da una cifra).

Il secondo blocco determina, invece, la classe di resistenza, rappresentata con due o tre cifre. Queste ultime indicano 1/10 del carico unitario di rottura a trazione (MPa o N/mm²) dell’elemento di collegamento (vedi prospetto 2).

Come individuare la classe di resistenza?

La classe di resistenza (con un riferimento allo stato metallurgico) viene individuata dalle due cifre relative al secondo blocco. Vediamone alcune, insieme:

  • 50 (bassa resistenza per acciai austenitici e martensitici)
  • 45 (acciai ferritici allo stato addolcito)
  • 70 (resistenza media per acciai austenitici e martensitici)
  • 60 (acciai ferritici incruditi)
  • 80
    • acciai austenitici (elevata resistenza grazie ad un’elevata deformazione plastica a freddo)
    • acciai martensitici al Ni (per trattamento termico).

Uno sguardo alla marcatura delle viti.

Com’è riportato in figura 2 e 3, ogni vite con diametro nominale d >= 5 mm

  • a testa esagonale
  • a testa cilindrica con cava esagonale o esalobulare

classificazione_viti3

deve obbligatoriamente avere una marcatura conforme alla norma UNI EN ISO 3506/1:2010. Inoltre, questa marcatura deve comprendere:

  • qualità dell’acciaio
  • classe di resistenza.

marcatura3

A cosa viene applicato questo estratto della norma ISO 3506?

Questo estratto trova applicazione alle viti e alle viti prigioniere:

  • con un diametro nominale della filettatura d <= 39 mm
  • con una filettatura metrica triangolare ISO con diametri e passi in conformità alla
    • ISO 68-1
    • ISO 261
    • ISO 262
  • di qualsiasi forma.

Visita il nostro sito e scopri le disponibilità e i prezzi di tutta la nostra gamma di prodotti in acciaio inox come bulloneria, raccorderia e accessori nautici. Oltre ai sistemi di fissaggio per gli impianti fotovoltaici. Ma non solo!

Tra i nostri prodotti ci sono anche tubi e trafilati, barrette TIG, elettrodi, punte elicoidali, dischi Sisal e cotone, oltre le paste abrasive.

Vai al sito

Vuoi leggere qualche altro articolo? Continua qui.

 

Domande o commenti?

Compila il form e inviaci una tua domanda o un tuo commento. Riceverai una risposta nel più breve tempo possibile.

]